3 documenti per creare l’identità visiva, la comunicazione aziendale ed il sito web

Tutta la propria identità visiva, la comunicazione e le strategie di vendita dovrebbero partire da tre documenti fondamentali:

  1. Il Business Model
  2. Il Business Plan
  3. La Moodboard

A seconda del tuo budget potrai avere uno stuolo di persone che se ne occupano per te, o magari nessuno. Forse non sai nemmeno cosa sono questi tre documenti. Ma sia che tu debba ancora cominciare, sia che tu abbia un’azienda importante, questi tre documenti sono essenziali per la tua attività.

Capita spesso che si vada dal web designer/sviluppatore/agenzia chiedendo la realizzazione del proprio sito internet con un unico obiettivo: vendere. Ed è normale, ci sono siti esclusivamente informativi ma la maggior parte dovrebbero fare questo, vendere. Ma questa parola non dice nulla, è vaga, così come i risultati che si otterranno senza le informazioni corrette.

Tornando ai documenti citati prima, perché sono importanti e come ci possono aiutare? Prima di tutto vediamo rapidamente di cosa trattano.

I 9 elementi del Business Model

  1. clienti;
  2. valore;
  3. canali;
  4. relazione;
  5. ricavi;
  6. risorse;
  7. attività;
  8. partner;
  9. costi;

Gli 8 elementi del Business Plan

  1. Executive Summary;
  2. La società;
  3. I prodotti;
  4. L’analisi di mercato;
  5. La strategia di marketing;
  6. La struttura del management;
  7. Il Piano di realizzazione;
  8. I capitali necessari;

In breve, nel Business Model si specifica quali bisogni dei clienti abbiamo intercettato, chi sono questi clienti (ipotesi dati demografici come fasce di età, professione, stato civile ecc) e come la nostra attività può rispondere a questi bisogni. Con quali prodotti/servizi, eventuali partner, ipotesi di guadagno ecc.

Il Business Plan è di solito il documento che si presenta per ottenere finanziamenti alle banche o per vincere un bando. Fa un’analisi della fattibilità/sostenibilità dell’attività. Spiega in che modo si intendono raggiungere gli obiettivi stabiliti nel Business Model.

La Moodboard

Un Moodboard (dall’inglese mood “umore”, e board “tavola”) è solitamente una serie di immagini unite tra di loro come in un collage che serve ai designer o ai progettisti a mostrare in un formato visivo un progetto e i concept ad esso correlati. – Wikipedia

 

Creare l’immagine aziendale e la comunicazione

Per poter vendere, il primo obiettivo di un sito web è comunicare. Comunicare nel modo giusto alle persone giuste, interessate cioè ai nostri prodotti/servizi.

Capita spesso che chi deve raccontare la propria attività alla persona/persone che si andrà/andranno ad occupare del sito o dei social, insomma della parte comunicativa, si concentrino sulla propria storia ed i propri prodotti tralasciando il resto. Ma tra i punti che abbiamo visto ce ne sono 2 che sono particolarmente importanti per impostare la comunicazione di un’attività:

  1. Il Budget;
  2. I Clienti;

Dire ‘voglio fare il sito web della mia attività’, non dice niente, perché sono tantissime le possibilità racchiuse in ‘sito web’. Può essere statico o dinamico, può essere one page, può essere un portale con forum, può essere un blog o un sito aziendale con blog associato.. Definire un budget significa stabilire il meglio che si può fare con la cifra che si ha a disposizione. Se si ha un piccolo budget non è detto che il sito web sia la soluzione migliore. Forse conviene una pagina facebook ed una buona campagna marketing con facebook ads. E qui arriviamo all’altro punto, i clienti.

E’ anche in base ai clienti che si stabilisce cosa è meglio fare. Se devo parlare ad una fascia molto giovane il social instagram è da valutare. Se al contrario i miei clienti sono anziani, forse tanti non sanno usare il computer o sono poco pratici quindi probabilmente è meglio puntare sulla stampa o la tv.

Se sto parlando a degli imprenditori forse dovrò avere un sito molto formale, una grafica formale, un uso del linguaggio formale..

Perché appunto il target influenza tutta la comunicazione, dal mezzo con cui comunico, i colori che uso, alle immagini e le parole.

Esempio

moodboard
Moodboard per Hotel *****

Mettiamo che secondo il Business Model ed il Business Plan abbiamo queste informazioni:

–  L’attività è un Hotel a 5 stelle tra le montagne del nord Italia. E’ vicino alle piste da sci, ha camere matrimoniali, una bellissima spa per trattamenti di coppia, una sauna.. il tutto in uno stile molto curato ed elegante  –

Si suppone una clientela giovane o abbastanza in forma da poter usufruire delle piste da sci. Interessata a momenti di relax nella sauna ed al romanticismo dei trattamenti di coppia e delle bellissime camere.

Nella moodboard ho quindi inserito una camera matrimoniale, le montagne, la sauna, un’immagine che richiami i trattamenti di una spa. Sotto, il testo ‘Hotel’ in Bodoni, un font con grazie moderno come vuole essere l’albergo. Poi tre colori: nero per eleganza ed esclusività, marrone per il calore e la stabilità del legno, oro per il lusso.

In una moodboard realizzata a mano avrei potuto inserire anche dei campioni di tessuto della biancheria o della tappezzeria.

Con questo documento si avrebbe il materiale perfetto per creare un sito web, ma anche impostare una campagna pubblicitaria indirizzata appositamente al target dell’hotel.

Essere specifici permette di concentrarsi sulle persone che hanno più possibilità di acquistare, piuttosto che sul mucchio agendo a caso.

Risorse e Approfondimenti